Skip to main content

Eventi

  • Eventi ACI Storico

Coppa d’Oro delle Dolomiti 2019 - Report della prima tappa

È una Coppa d'Oro delle Dolomiti che sta confermando premesse e pronostici. Evento d'alta attrattiva motoristica e turistica, e contemporaneamente gara coinvolgente e spettacolare. Le prestazioni sportive dei protagonisti animano la sfida di Regolarità Classica, la rendono avvincente. Epoca Championship Campionato Italiano Grandi Eventi ACI Sport, promosso da ACI Storico, inizia con la Coppa d'oro delle Dolomiti che, sin dai primi chilometri, si rivela prova non comune.

La prima giornata della gara dolomitica non è stata "fisica", come ci si poteva attendere da un tracciato da 250,99 chilometri. I Passi Dolomitici, quelli "duri e puri", quelli attesi da tutti, c'erano e sono stati affrontati in sequenza, puntuale anche la pioggia che ha caratterizzato e rallentato l'azione dei concorrenti a bordo delle loro vetture. Le quarantasei Prove Cronometrate di precisione, le quattro Prove di Media l'hanno resa comunque tecnica e impegnativa. La prima tappa è stata definita divertente e ritmica da molti se non tutti i concorrenti. La Coppa d'Oro inizia con un colpo di scena inaspettato: Andrea Vesco e Romano Bacci escono di scena. L'equipaggio bresciano del Team UBI Banca firma la prima prova cronometrata sul Passo Tre Croci, poi le prestazioni diventano altalenanti. L'inedito equipaggio a bordo della Fiat 508 S Balilla Sport, non riesce a esprimersi come ci si attende e solo in sporadiche occasioni si mette in evidenza, tenta il recupero, ma il tempo passa e s'avvicina un fine tappa che a Cortina mette fine alla sua gara.

Sono invece Ezio Sala e Mara Massa a ben interpretare i primi "tubi" portandosi al comando della classifica assoluta, davanti a Sergio Sisti sulla personale Lancia Aprilia nei colori della Classic Team, Giovanni Moceri con la Fiat 508C griffata Scuderia Targa Florio, poi Nino Margiotta con la Volvo Pv444 del Volvo Club e Gian Mario Fontanella al volante della Lancia Aprilia del 1939. Faticano invece Alessandro Gamberini, con la Alfa Romeo 6C e Tiberio Cavalleri, anzi il bresciano deve fermarsi per la rottura di una bronzina del motore della Fiat Balilla Spider C del 1932.

A metà giornata, poco prima del temporale, superate le prove di Misurina è Moceri che passa al comando. Il palermitano, primo campione italiano Grandi Eventi nel 2017, ben navigato dalla moglie Valeria Dicembre non sbaglia un "tubo" e crea un divario dagli inseguitori che diventa sempre più consistente, garantendogli la vittoria di Tappa. "E' stata una bella giornata, mi sono trovato tutto sommato bene nonostante lo sforzo che sta compiendo la nostra vettura." A fine giornata, il siciliano precede di 38 penalità i piacentini Fontanella e Annamaria Covelli, secondi ma a stretto contatto con Margiotta e Valentina La Chiana, terzi con la Volvo, piazzamento che in virtù dei coefficienti diventa una quarta piazza superati da Sala e Massa con la Lancia Aprilia Emmebi '70.

Sisti e Anna Gualnadi sono quinti, davanti a Zanasi e Bertini, poi ottimo settimo assoluto il "mondiale di canoa" Andrea Giacoppo, con Grillone Teciolu Daniela sulla "comoda" Mercedes Benz 230 SL del '65. Ottavo è il ferrarese Leonardo Fabbri con la Volvo PV 544, nono Maurizio Magnoni con la Peugeot 203 del 1949 Classic Lions e decimo è Giovanni Prandelli su Corvette Sting Ray del 1964. Alessandro Marzotto si presenta sul palco d'arrivo con tutta la famiglia sulla Lancia Lambda Casaro del 1929, mentre il primo degli equipaggi stranieri è quello degli svizzeri Stefano Valente e Charlotte Magaraggia con Jaguar XH120 Raoadster del 1950, ben piazzati sono i giapponesi Kenji Hakara e Kohei Hayashida a precedere Al Rifai Hajjo  e Giuliana Vecchi.

Oggi il programma della seconda e conclusiva giornata di gara prevede alle 9 lo start della seconda tappa da Cortina d'Ampezzo, Corso Italia; alle 16.30 Arrivo prima vettura Cortina d'Ampezzo - Stadio del Ghiaccio; 16.45 Arrivo prima vettura - Corso Italia dopo la disputa di 45 prove Cronometrate, 2 Prove di Media. Domani domenica 21 luglio, alle ore 9 Tour dei Sestieri, alle 11 Cerimonia di premiazione in Piazza A. Dibona (Conchiglia)

Torna su